giovedì, Aprile 18, 2024
CRONACA VARESOTTO

Varesotto verso le Olimpiadi di Milano-Cortina 2026

I numeri sono decisamente interessanti: se quelli elaborati dall’ufficio Studi e Statistica di Camera di Commercio sulla base dei dati gennaio-ottobre 2023 finora forniti dalle strutture alberghiere ed extralberghiere certificano 2.153.207 presenze, la stima è che l’anno vada oltre quota 2 milioni e 400mila, diventando così quello col maggior numero di pernottamenti in provincia di Varese.

Continua insomma lo sviluppo di un settore che sta traendo beneficio da un attento lavoro in termini di offerta, grazie a un sistema turistico che – su un territorio ricco di attrazioni paesaggistiche e culturali con i suoi sette laghi e quattro siti Unesco – conta ora su oltre 2mila strutture ricettive. Questo grazie a una crescita che ha abbinato alle realtà alberghiere quelle complementari come bed & breakfast, campeggi, case vacanze e alloggi agrituristici. Un insieme rivolto a un sempre più variegato target di pubblico, con una permanenza media che cresce, toccando i 3,5 giorni nell’area dei laghi prealpini e i 3,8 nelle vallate del Nord della provincia.

«I numeri delle presenze, che equivalgono ai pernottamenti, sono di certo importanti ed evidenziano il forte impegno degli operatori. A loro va il gran merito di questa crescita, frutto anche del supporto garantito dalle istituzioni e dalle altre diverse realtà che entrano in gioco in un settore turistico che, spesso in un’utile sinergia con altri comparti, si sta confermando fattore di sviluppo complessivo per il nostro territorio. Penso per esempio a tutto il lavoro svolto in collaborazione con le società e gli organizzatori di eventi sportivi a rilievo turistico» spiega il presidente di Camera di Commercio, Mauro Vitiello, sottolineando anche l’impegno che l’ente sta portando avanti ormai dal 2016 col suo progetto Varese Sport Commission.

Tra le tante iniziative sportive che creano attrattività, le gare ciclistiche della Tre Valli Varesine con la competizione per i professionisti e quella per gli amatori della Gran Fondo, oltre al Trofeo Binda, corsa in linea femminile che è unica tappa italiana del calendario del Women’s World Tour. Tanto movimento, non solo sui pedali, è stato inoltre generato dal progetto #varesedoyoubike promosso sempre da Camera di Commercio per costruire insieme agli enti locali e agli operatori un sistema cicloturistico all’avanguardia. Forte attenzione è anche quella collegata al canottaggio, grazie alla tappa della World Cup dello scorso mese di giugno, alle molte competizioni di rilievo internazionale e al fitto calendario di allenamenti svolti dalle nazionali di tutto il mondo sui nostri laghi. E poi, per quanto riguarda le altre discipline, un interesse elevato hanno evidenziato la Campo dei Fiori Trail e il Rally dei Laghi. 

«Se per il 2023 le iniziative sportive supportate per il loro rilievo turistico da Camera di Commercio ci hanno rendicontato un budget complessivo di 1 milione e 300mila euro, per il nuovo anno possiamo già contare su tanti eventi ad altissimo profilo. Eventi che riguardano discipline anche non strettamente collegate a quella caratteristica di “palestra all’aria aperta” che è propria di Varese e il suo territorio» continua lo stesso Vitiello, facendo particolare riferimento alla gare di qualificazione della boxe per le Olimpiadi di Parigi, che al palasport di Busto Arsizio dal 4 all’11 marzo metteranno in palio 49 pass, usufruendo tra l’altro di una nuova struttura alberghiera appena aperta in città grazie a investitori che credono nello sviluppo turistico del territorio.

«Il tutto senza dimenticare – conclude il presidente di Camera di Commercio – che nei prossimi dodici mesi entreranno nel vivo le iniziative avviate, grazie alla sinergia istituzionale tra Camera di Commercio con Comune e Provincia di Varese, per valorizzare il sistema turistico sportivo varesino in vista del grande appuntamento delle Olimpiadi di Milano-Cortina 2026».