Scuole a Varese, agosto di cantieri

Partono i lavori di adeguamento alle prescrizioni anti contagio per una spesa di 310 mila euro

VARESE – Sarà un mese intenso di lavori nelle scuole di Varese che a partire dai prossimi giorni saranno interessate da diversi interventi. L’obiettivo è quello di adattare gli spazi e le aule didattiche in conformità con quelle che sono le prescrizioni anti contagio emanate per far fronte dell’emergenza sanitaria e in base alle segnalazioni delle direzioni didattiche.

Sul campo ci sono i 310 mila euro messi a disposizione dal Governo proprio per procedere in tempi brevi agli interventi. In questi tempi difficili, il Comune di Varese, in funzione delle nuove disposizioni in materia di semplificazione e sburocratizzazione, nonché le norme speciali in materia di edilizia scolastica, ha voluto riservare gli inviti alle procedure di gara alle aziende del territorio grazie anche al coinvolgimento di Ance, Confartigianato, CNA e Confcooperative.

«Non abbiamo molto tempo e i nostri uffici hanno elaborato progetti e chiuso le gare più velocemente possibile – afferma il sindaco Davide Galimberti –. Abbiamo poi proposto di svolgere i lavori alle aziende locali proprio per privilegiare l’economia del territorio garantendo il rispetto delle norme pubblicistiche e in sinergie con le associazioni di categoria del comparto così da garantire, attraverso la loro sensibilizzazione, il completamento dei lavori entro il suono della prima campanella prevista per il 14 settembre. L’obiettivo è ovviamente quello di far trovare pronte le nostre scuole per il giorno in cui gli alunni torneranno a varcare i cancelli degli edifici scolastici. Dobbiamo fare in modo però che questo accada in piena sicurezza e gli interventi che abbiamo programmato serviranno proprio a questo. Questi lavori non sarebbero stati però realizzabili senza gli aiuti economici che ci stanno arrivando dal Governo. Per una vera ripresa economica è fondamentale che la scuola funzioni al meglio ed è il motivo per cui abbiamo coinvolto le aziende del territorio così che tutti possano contribuire alla ripresa della scuola e conseguentemente della normalità».

«Il lavoro che stiamo svolgendo per settembre è complesso e questi interventi ne sono solo una parte – spiega l’assessore ai Servizi educativi Rossella Dimaggio – Il nostro progetto si basa su un vasto patto educativo territoriale che comporterà condivisione e corresponsabilità da parte di tutti i soggetti coinvolti. L’obiettivo comune è, ovviamente, garantire a tutti gli studenti un rientro a scuola in sicurezza secondo le linee guida che ci arrivano dal Ministero. In questo momento possiamo dire che saremo in grado di aprire tutte le nostre scuole con gli orari che verranno condivisi con i presidi dei vari istituti. Anche per quanto riguarda i servizi parascolastici, i nidi e le scuole per l’infanzia, questi servizi saranno garantiti e presto potremo dare le indicazioni ai genitori su come si svolgeranno».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *