Verbania, nuovo servizio della Squadra Nautica

VERBANIA -Il Cantante della Solidarietà, Salvatore Ranieri, il 20 maggio ha consegnato alla Pubblica Assistenza Anpas Squadra Nautica di Salvamento di Verbania quattro carrozzine (nella foto) per il trasporto dei pazienti durante le visite e i trasferimenti. La donazione è stata anche l’occasione per presentare il nuovo servizio della Squadra Nautica di Salvamento Verbania per il trasporto di pazienti oncologici, in collaborazione con l’Associazione Amici dell’Oncologia. Il servizio verrà svolto grazie al nuovo automezzo e aiuterà i pazienti impossibilitati a raggiungere con mezzi propri gli istituti di diagnosi e cura.
Oltre al Cantante della Solidarietà Salvatore Ranieri erano presenti, tra gli altri, l’assessore comunale Patrich Rabaini, il vicepresidente dell’Associazione Amici dell’Oncologia di Verbania, Mauro Della Sala, il presidente della Squadra Nautica di Salvamento, Alessandro Pinzino e il vicepresidente Jacopo Orsi, il presidente dell’Associazione Correre per un Sorriso, Paolo Azzi e la magistrata, Cristina Marzagalli.
Per accedere al servizio è richiesta una autocertificazione che confermi l’effettiva necessità del paziente e la prenotazione dei trasporti telefonando al numero 349-4597230 dalle 9 alle 12.
Il presidente della Squadra Nautica di Salvamento Verbania, Alessandro Pinzino: «La Squadra Nautica è attiva sul territorio e durante l’emergenza coronavirus ha eseguito oltre 108 interventi di emergenza Covid-19, o presunti tali, e complessivamente oltre 693 interventi di emergenza. Voglio ringraziare il Cantante della Solidarietà per la donazione, ora possiamo migliorare il nostro servizio, già attivo da tempo, e potenziare maggiormente il servizio oncologico svolto in collaborazione con gli Amici dell’Oncologia».
«La Squadra Nautica di Salvamento di Verbania – ha commentato il Cantante della Solidarietà Salvatore Ranieri – svolge un servizio utile in tutto il Vco e opera come servizio sanitario 118 anche sul Lago. Sono state donate quattro carrozzine a disposizione di malati e soprattutto di persone che necessitano di aiuto e sostegno».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *