Lombardia è Ricerca premia gli studenti dell’ ISIS di Castellanza

Il presidente Fontana, il vicepresidente Sala e l’assessore Rizzoli, al Teatro alla Scala, questa mattina, in occasione del conferimento del riconoscimento per le ricerche sull’Healthy Aging ‘Lombardia e’ Ricerca’, con tanto di assegno da 1 milione di euro, a Guido Kroemer mentre premiano l’Isis ‘Facchinetti’ di Castellanza

MILANO – (c.s.) Sul Palco del Teatro alla Scala sono saliti anche i giovani studenti dell’ ISIS Facchinetti – Castellanza che si sono classificati terzi al premio Lombardia è Ricerca rivolto alle scuole lombarde. A loro i complimenti del Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana, del vicepresidente Fabrizio Sala e dell’assessore regionale Melania Rizzoli. Gli studenti sono stati premiati per la migliore invenzione realizzata, un modo per promuovere fin dalla scuola l’approccio a ricerca e innovazione come leve fondamentali per lo sviluppo del territorio. A loro 10.000 euro per la scoperta Xolomon supervising Olona Monitoring – Sistema per monitoraggio fiume Olona.

I ragazzi sono stati premiati alla presenza del fondatore di Aranzulla.it Salvatore Aranzulla e dell’attore Giacomo Poretti che ha fatto un intervento incentrato sull’arte del giovane fotografo affetto da autismo Riccardo Pravettoni, fotografo ufficiale della Giornata della Ricerca. L’evento ha visto la collaborazione e la partecipazione di Gerry Scotti affiancato da Alessia Ventura.

Scheda progetto

Il progetto nasce dalla necessità della Protezione Civile di Canegrate (MI) di monitorare il tratto del fiume Olona in località ‘Cascinetta’ di Canegrate, già causa di gravi problemi ambientali nel recente passato. Le piene del fiume Olona rischiano di isolare la zona rendendola, di fatto, un’isola e mettendo in serio pericolo persone, animali e cose. Il sistema realizzato consente il monitoraggio continuo del livello, della portata e di altri parametri fisici del fiume Olona in un punto particolare del suo tragitto. Il sistema locale di rilevazione è costituito da una o più centraline intelligenti (CI) basata su un sistema a microcontrollore Raspberry PI, che rileva ed elabora le informazioni fisiche servendosi di sensori di genere diverso, a seconda dei parametri da rilevare: sensore di pressione, livello, radar, videocamera, geolocalizzatore. I dati rilevati, opportunamente condizionati, vengono inviati a Web Service esposti dal server del Politecnico di Milano dove vengono opportunamente elaborati. Le informazioni vengono rese pubbliche e possono essere visualizzate dagli utenti (Protezione Civile o semplici cittadini) tramite una pagina Web o app che segnalano parametri, livelli, anomalie e allarmi. Il progetto ha coinvolto le due classi quinte informatica dell’as 2018-2019. I capiprogetto sono: Samar Chehouri, Camilla Toia, Manuel Nguyen, Morena Fernandes, Davide De Cicco, Antonio Grillo, Giacomo Motta, Angelo Italiano, Luca Agostini, Alexis Gualotuna, Mattia Mazzoleni Ferracini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *