Coltivazione nocciole: attività redditizia per quasi 300 aziende lombarde

“La coltivazione delle nocciole è estremamente redditizia, sostenibile, con varietà nazionali di estrema qualità e può consentire di recuperare zone collinari abbandonate. Si tratta anche di un investimento sul futuro visto che la domanda crescerà per i prossimi 40 anni. La Regione Lombardia investirà risorse per sviluppare sul territorio la produzione di nocciole, aumentare la produzione nazionale e limitare le importazioni dalla Turchia. Si tratta anche di sicurezza alimentare, per il noto problema dell’alto contenuto di aflatossine delle nocciole turche”. Lo ha detto l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi.

PRODUZIONE MONDIALE AUMENTATA

Negli ultimi 15 anni la produzione mondiale è aumentata del 35%; l’Italia produce il 13% circa delle nocciole a livello mondiale ma importa il 43% del suo fabbisogno annuale, attingendo in gran parte dalla Turchia che rappresenta il primo produttore mondiale.

ANCHE LOMBARDIA STA CRESCENDO

“In Lombardia sono attive 294 aziende per 157 ettari sui 71.000 nazionali. Numeri in crescita ma ancora marginali. Vogliamo sviluppare questa coltura – ha detto l’assessore – creando un distretto agricolo lombardo, per stimolare i principali player della trasformazione a investire in contratti di filiera anche in lombardia. “Mettere intorno a un tavolo produttori, trasformatori e istituzioni è fondamentale per un progetto di filiera. La nocciola è una coltivazione non difficoltosa, moderna ed ecosostenibile. Necessita di un supporto per i primi 5 anni ma poi risulta molto redditizia” ha aggiunto Rolfi.

DA REGIONE UN SERVIZIO TECNICO

La Regione Lombardia si attiverà per garantire un servizio tecnico di supporto alla nascita di nuove aziende e per individuare misure innovative per sostenere nei primi anni il reddito delle aziende che coltivano nocciole (incentivi per il biologico; particolari indennità compensative; anticipazione dei redditi futuri attraverso fondi e garanzie specifiche). Saranno poi previste misure specifiche nella futura programmazione Pac 2021/2027 e punteggi specifici soprattutto ove si realizzino investimenti comuni tra le aziende corilocolturali.

Concorde anche il consigliere regionale Alessandro Corbetta. “Si tratta di una grande opportunità per il nostro territorio – ha spiegato -, in quanto permetterebbe di recuperare e riconvertire le colture della zona pedemontana, penso in particolare alle colline briantee, che oggi risultano molto meno redditizie rispetto al passato. Stiamo quindi
portando avanti un progetto che significa qualità e opportunità di lavoro e Regione Lombardia si conferma oggi in prima fila per avviare definitivamente la coltura della nocciola, dare adeguata pubblicità nei territori più vocati e sostenere in maniera concreta chi ha intenzione di cimentarsi in questa attivita’”.

Corrado Sartore

 

Questi i dati delle coltivazioni di nocciola in Lombardia suddivisi per provincia e metri quadri di superfice:

PROVINCIA    SUPERFICIE in mq

BERGAMO                     65.466
BRESCIA                      199.837
COMO                            22.889
CREMONA                    18.347
LECCO                         152.406
MANTOVA                  147.523
MILANO                        79.716
MONZA BRIANZA     95.872
PAVIA                          765.421
SONDRIO                     15.045
VARESE                         6.399

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *