mercoledì, Aprile 24, 2024
CRONACA VARESOTTO

Varese, da aprile solo sacchi rossi per l’indifferenziato

VARESE – Diverse novità per il servizio di igiene urbana del Comune di Varese. Un novità importante riguarda il conferimento dei rifiuti indifferenziati: dal 1° aprile sarà ritirato solo l’indifferenziato esposto nei sacchi rossi con tag e non in altri sacchi. In questa fase non verrà applicata la tariffa puntuale, che verrà introdotta a partire da gennaio 2025. Viene inoltre potenziata la raccolta del vetro, che da quindicinale diventa settimanale, ed è estesa la possibilità di richiedere attrezzature extra a ulteriori categorie di utenti.  Infine viene  introdotta la possibilità per i privati di accedere con furgoni di proprietà, a noleggio o in prestito, in piattaforma ecologica. 

“La nostra città ha visto un progressivo miglioramento della raccolta differenziata – spiega il sindaco Davide Galimberti – grazie a una serie di migliorie introdotte in questi anni. L’obiettivo è quello di rendere ancora più efficiente il servizio ed arrivare a ridurre ulteriormente l’impatto ambientale, per una maggiore sostenibilità. Per questo vengono messi in campo nuovi potenziamenti del servizio, con una fase di preparazione che consenta di calibrare al meglio i meccanismi della tariffa puntuale”.

I cittadini riceveranno a casa una lettera con tutte le informazioni sulle novità e anche il calendario cartaceo della raccolta differenziata.

“Vogliamo fare un passo decisivo nella direzione della sostenibilità ambientale a partire dall’attenzione a differenziare bene i rifiuti, ma anche modificando le scelte di consumo, ad esempio acquistando solo il necessario e scegliendo prodotti a imballaggio ridotto – spiega l’assessore a tutela ambientale, sostenibilità sociale ed economia circolare del Comune di Varese Nicoletta San Martino – Puntuale significa che una parte della tariffa sarà definita in base a quanto prodotto da ciascuna utenza. Dall’inizio del 2024 stiamo già raccogliendo i dati delle utenze per poter modulare al meglio la futura tariffa puntuale.”

Dal 1° aprile dunque sarà ritirato solo l’indifferenziato esposto nei sacchi rossi con tag e non in altri sacchi. Allo stesso modo saranno solo i mastelli consegnati dall’impresa Sangalli.

I sacchi rossi si potranno ritirare ancora dal 2 al 7 aprile in piazza della Repubblica (parcheggio sul retro del teatro) con i seguenti orari: dalle 10 alle 18; sabato e domenica dalle 9 alle 13. Ciascun utente può recarsi presso uno qualsiasi dei punti di distribuzione a prescindere dall’indirizzo di residenza. Quest’anno, presso i punti di consegna dei sacchi, potranno essere ritirati anche i calendari cartacei annuali, che successivamente saranno disponibili presso lo Sportello TARI di via Alessandro Proserpio 13.

La campagna di distribuzione prevede dotazioni diverse a seconda delle zone della città e della tipologia di abitazione: per gli stabili con 1-4 utenze e, per la zona 14, anche per quelli con 5 e più utenze, saranno distribuiti sacchetti bio per l’umido, sacchi gialli per plastica e lattine, sacchi rossi per il secco residuo. Per gli stabili con 5 e più utenze delle zone da 1 a 12: sacchetti bio per l’umido e sacchi gialli per plastica e lattine.

Regole diverse riguardano i condomini dove il secco residuo va buttato nei bidoni comuni. Questo è il motivo per cui a chi abita in condominio non vengono consegnati i sacchi rossi. Il secco residuo, prima di essere buttato, può essere contenuto in normali sacchetti (anche quelli della spesa), purché trasparenti o semitrasparenti. Per i condomini che non hanno ancora i bidoni per i rifiuti secchi residui è ancora aperta la possibilità di farne richiesta; la domanda deve essere presentata dall’amministratore o da un referente del condominio, sempre compilando il modulo pubblicato sul sito www.varesepulita.it.

Infine, alle utenze non domestiche saranno consegnati sacchi gialli per plastica e lattine e sacchi rossi per il secco residuo se si tratta di utenze che non hanno il bidone proprio.

Viene potenziato il servizio della raccolta del vetro: dal 1° aprile, in tutta la città e per le utenze domestiche, la raccolta del vetro da quindicinale diverrà a settimanale. Inoltre è prevista l’implementazione delle attrezzature: per le famiglie di almeno 4 componenti (anziché 5 come in precedenza) e residenti in unità immobiliari da 1 a 4 utenze, è possibile richiedere la consegna di un secondo mastello da 30 litri per la carta, uno per l’umido ed uno per il vetro. La richiesta può essere effettuata sin da ora sul portale www.varesepulita.it. Terza novità è l’introduzione della possibilità per i privati di accedere con furgoni di proprietà, a noleggio o in prestito, in piattaforma ecologica di via dell’Ecologia previa autorizzazione da richiedere tramite modulo sempre pubblicato sul portale www.varesepulita.it.

“Gli obiettivi di sostenibilità fissati dal pacchetto sull’economia circolare stabilisce per l’UE un obiettivo vincolante di riduzione dello smaltimento del rifiuto indifferenziato: entro il 2035 al massimo il 10% del totale potrà essere smaltito in discarica – dichiara l’assessora a tutela ambientale, sostenibilità sociale ed economia circolare del Comune di Varese Nicoletta San Martino – Con l’introduzione della TARI migliorerà la percentuale di raccolta differenziata e potremo raggiungere risultati ambientali importanti in termini di minori emissioni e quindi contrasto ai cambiamenti climatici i cui effetti sono verificabili anche nel nostro territorio”.