giovedì, Aprile 18, 2024
MODA E TECNOLOGIA

L’IA fa esplodere il mercato del voice cloning

 La voce è lo specchio dell’anima e il tratto distintivo che contraddistingue ogni essere vivente: le parole in questione emergono come un arcobaleno al termine di un temporale, soprattutto, in vista della Giornata Mondiale della Voce. Si tratta di una ricorrenza, nata in Brasile nel 1999, che coinvolge il mondo intero e che viene celebrato il 16 aprile di ogni anno al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica proprio sull’importanza della voce stessa. Quest’ultima non risulta solo oggetto di ricerche mediche, fondamentali per curare le innumerevoli patologie ad essa relazionate, e motivo di proteste politiche nell’arco della storia, ma anche un tema futuristico che può essere associato alla tecnologia e all’innovazione. Com’è possibile? Grazie al voice cloning, definito nel 1970 semplicemente “digital cloning” dallo studioso nipponico Mashito Mori, che a sua volta viene perfezionato dalla tecnologia del momento, ovvero l’intelligenza artificiale. Quest’ultima, come indicato da Maximixe Market Research, risulta fondamentale per il successo del voice cloning sia in termini operativi sia dal punto di vista economico: entro il 2029 è previsto, infatti, un incremento di fatturato pari a quasi 2 miliardi di dollari (+75% sul 2019) con un CAGR del 17% entro i prossimi sei anni. Entrando più nel dettaglio, il Nord America risulta la capitale economica della business unit, seguita dall’Europa (2°) e dall’Asia (3°).  Al di là dei dati di mercato, sorprendono le applicazioni del voice cloning nella vita di tutti i giorni: il primo settore su cui viene focalizzata l’attenzione è quello event addicted e, per analizzarlo nel migliore dei modi, viene studiato un case study 100% made in Italy. Nello specifico si parla del Palio di Siena, importante manifestazione in cui, durante l’ultima edizione, lo storico telecronista Franco Masoni è stato trasformato in un artificial human capace di parlare con la voce della persona fisica. Per l’occasione, l’avatar è stato inserito all’interno di appositi totem e aveva il compito di rispondere a domande e curiosità dei presenti in merito all’organizzazione e alla storia del tradizionale appuntamento. Restando in Toscana, si passa al turismo: in questo caso specifico la protagonista è Masha, ovvero un virtual human che aiuta locali e turisti a prenotare e a organizzare nei minimi dettagli il proprio soggiorno presso un centro termale situato a Rapolano Terme (SI). Dietro alla realizzazione di questi avatar dotati di IA e arricchiti proprio dalla tecnica di voice cloning c’è il lavoro di QuestIT, tech company senese specializzata nella produzione di tecnologie proprietarie d’intelligenza artificiale. “L’artificial intelligence è la soluzione del momento perché, attraverso la clonazione della voce, è in grado di dare voce a progetti, iniziative ed eventi di ogni tipologia – afferma Ernesto Di Iorio, CEO di QuestIT – Ci tengo inoltre a precisare che i nostri avatar vengono realizzati nel pieno rispetto della privacy delle persone fisiche coinvolte e in totale accordo con loro. La tecnologia non deve essere vista come un sostituto della voce naturale, bensì come un aiutante capace di semplificare la vita delle persone, rendendola così più immediata, semplice ed inclusiva”. Il viaggio alla scoperta delle applicazioni più sorprendenti del voice cloning nella vita quotidiana prosegue grazie ad ulteriori spunti offerti dal portale Medium. In primis, viene analizzata la tematica da un punto di vista medico: nel caso in cui ad un paziente venga diagnosticata una malattia limitante, come l’aprassia o la sclerosi laterale amiotrofica che sono in grado di compromettere le capacità comunicative, è possibile depositare la voce del paziente in quanto tale e, in un secondo momento, clonarla al fine di regalare alla persona stessa, qualunque sia la sua condizione, la possibilità di parlare utilizzando il suo tone of voice. Si prosegue con il cinema e con gli attori, i cui tratti vocali, al termine delle riprese, vengono clonati per archiviarli in occasione di doppiaggi o spot pubblicitari, risparmiando così tempo utile e riducendo il numero delle attività svolte dagli addetti ai lavori. E ancora, il mondo dell’education non resta a guardare: in occasione di video corsi di formazione, clonare la voce dei professori consente ai singoli educatori di spiegare concetti e definire argomenti senza essere fisicamente presenti alle lezioni. E Il mondo del gaming? Ecco un altro spunto interessante: per dare voce agli eroi di guerra o personaggi animati dei videogiochi viene clonata la voce di personaggi di spicco al fine di regalare esperienze uniche e immersive ai player di tutto il mondo. Infine, Cyber News si focalizza sul mondo delle banche: i siti, infatti, possono prevedere l’utilizzo di un avatar in grado di parlare attraverso la clonazione della voce di un responsabile o di un addetto ai lavori e guidare i clienti all’interno della piattaforma, effettuando così pagamenti, operazioni bancarie ed eventuali modifiche contrattuali nel più breve tempo possibile.  

Ecco, quindi, le 7 applicazioni più sorprendenti del voice cloning nella vita quotidiana secondo gli esperti del settore:   

Eventi: la voce di uno storico commentatore può essere clonata per arricchire un avatar in grado di rispondere alle domande dei più curiosi in occasioni di manifestazioni locali, nazionali ed internazionali.    

Turismo: organizzare un soggiorno nei minimi dettagli all’interno di un centro termale non è mai stato così semplice e intuitivo attraverso Masha, l’artificial human di ultima generazione arricchito dal tone of voice di un professionista del settore.  

Medicina: depositando la voce, anche i pazienti affetti da malattie limitanti dal punto di vista comunicativo non corrono il rischio di perdere la propria unicità vocale grazie all’AI che registra e clona alla perfezione l’identità vocale delle persone.  

Cinema: per ridurre il numero di riprese e gestire nel migliore dei modi la voce di attori e speaker, clonare la voce di protagonisti e comparse risulta un ottimo strumento sia in termini quantitativi sia qualitativi.  

Education: in caso di assenza fisica da parte di un professore, ogni corso può essere tranquillamente tenuto dal suo avatar che è dotato della voce originale della persona fisica riconosciuta da studenti e partecipanti.   

Giochi: il voice cloning è l’arma in più dei videogame di ultima generazione, i cui personaggi, quasi sempre mitologici o tratti da cartoni animati e riproduzioni cinematografiche, possono comunicare grazie alla clonazione della voce di figure di spicco del settore. ·     

Banche: accedere alla piattaforma della propria banca ed effettuare delle operazioni specifiche risulterà sempre più facile ed immediato grazie agli artificial consultant arricchiti dalla voce di uno dei consulenti in carne ed ossa che guidano i clienti passo dopo passo.