Arte e natura sul lungolago di Verbania Pallanza

VERBANIA – Il lungolago di Verbania Pallanza, ospita sino al 20 ottobre 2020, un percorso nell’arte e nella natura, in cui tre sculture monumentali del Maestro Angelo Bozzola (1921-2010) dialogano con il paesaggio.

“Abbiamo voluto sostenere la proposta della Fondazione Angelo Bozzola – dichiara l’Assessore alla Cultura Riccardo Brezza – per valorizzare  il lungolago di Pallanza durante i mesi di pedonalizzazione estiva. Questa iniziativa si collega idealmente alle due esposizioni di Cannobio e Luino con lo scopo di fare rete con le iniziative culturali promosse sul Lago Maggiore. Sono certo che le forme delle sculture di Angelo Bozzola sapranno affascinare i residenti e i turisti e renderanno ancora più bello il nostro magnifico lungolago. Un sincero ringraziamento allo Spazio arte BIG Emotion e al Ristorante Milano per la preziosa collaborazione”.

Il Maestro Angelo Bozzola ha sviluppato la sua ricerca artistica sulla base di forme geometriche piane, che convertì in elementi formali primari attraverso la loro organizzazione in moduli, che venivano accostatati tra loro in maniera sempre diversa; queste forme piane vengono poi variate e aperte verso la tridimensionalità attraverso tagli, piegamenti e rotazioni.  Le sue creazioni rifiutano quindi una rappresentazione oggettiva della realtà, ma la natura rimane sempre la fonte di ispirazione da cui trarre la geometria delle forme: astratto e concreto si intrecciano così indissolubilmente nell’arte del maestro Bozzola.

La prima installazione, dal titolo Progressione (1966), è formata da cinque grandi moduli in ferro che si sviluppano aprendosi nello spazio circostante in modo graduale ed è collocata nel giardino privato, ma aperto al pubblico, del Ristorante Milano.

La seconda scultura in acciaio inox, Funzione-sviluppo di forma concreta (1956), si trova davanti all’imbarcadero: qui tagli e piegature fanno dischiudere una figura piana ovoidale in una dimensione plastica tridimensionale.

La terza infine, Iterazione (1962), si trova di fronte allo Spazio arte BIG Emotion in corso Tonolli 42, raggiunge uno sviluppo verticale organizzando e incastrando tra di loro i moduli trapezio-ovoidali in ferro verniciato.

Si possono ammirare opere del Maestro Bozzola, attualmente esposte, in altre due mostre dedicate all’artista sul Lago Maggiore: “Un codice per una forma” a Palazzo Parasi a Cannobio, visitabile sino al 30 agosto 2020, e “Angelo Bozzola. Spazio e ferro” a Palazzo Verbania a Luino, sino al 15 settembre 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *