Cresce il gioco d’azzardo in Piemonte

Cassiani: “La Legge regionale è un flop, il gioco non diminuisce e si rischia ritorno della criminalità”

Fare un passo indietro e ripensare le norme per il gioco previste dalla legge regionale in Piemonte, che alla luce dei dati «è semplicemente fallimentare: la politica deve avere l’umiltà di ammettere quando sbaglia e prendere le adeguate contromisure». E’ quanto dice ad Agipronews il consigliere regionale del Partito Democratico e Vicepresidente commissione cultura ed istruzione, Luca Cassiani, commentando quanto venuto alla luce lunedì, nel corso di un’audizione con alcuni consiglieri regionali alla quale hanno partecipato le associazioni Astro e FIT.
Nel corso dell’audizione sono stati presentati i dati dei Monopoli di Stato che – nel confronto tra gli ultimi quattro mesi del 2017 e i primi quattro mesi del 2018 – evidenziano un leggero calo della raccolta complessiva in Piemonte del 3,8% (da 1,6 a 1,5 miliardi): mentre le slot risultano in forte calo (-28,2%), sono cresciuti altri tipi di gioco come le Videolotteries (+8,93%), i Gratta e Vinci (+11,7%) e il Lotto (+10,5%).
«Credo che alla luce di questi dati sia utile fare una riflessione, proseguendo gli incontri e le discussioni del tavolo di lavoro: anche le leggi pensate con le migliori intenzioni vanno valutate con gli effetti concreti – dice Cassiani – La legge attuale non centra assolutamente il primo obiettivo, che è quello di ridurre il gioco e di conseguenza i comportamenti problematici che possono derivare. Non c’è stata alcuna deterrenza sulla ludopatia. La necessità di regolare e ridurre l’offerta si è trasformata in una crociata proibizionista, che ha avuto l’unico obiettivo di mettere in ginocchio gestori ed esercenti, tra l’altro limitando un’unica tipologia di offerta. I numeri parlano da soli, la gente non ha smesso di giocare, si è semplicemente spostata su altri tipi di gioco». Lo spostamento poi è avvenuto anche materialmente, visto che «i distanziometri hanno creato delle zone nelle periferie in cui sono presenti dei mini casinò, con offerte molto più pericolose rispetto a quelle delle slot che accettano solo monete».
Secondo Cassiani gli effetti negativi non sono unicamente economici: «Rischiamo seriamente di ridare le chiavi del gioco alla criminalità organizzata, che si riaffaccia nel territorio con un’offerta che resterà completamente fuori controllo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *