Arona, è nato l’Hospice dell’Asl Novara

I relatori presenti all’inaugurazione

ARONA –  Al Presidio Sanitario Territoriale di Arona è stato ufficialmente inaugurato l’Hospice dell’ASL NO.
L’Hospice è una struttura residenziale d’accoglienza e ricovero temporaneo nel quale il paziente viene accompagnato nelle ultime fasi della sua vita con un appropriato sostegno medico, psicologico e spirituale.
L’obiettivo principale del ricovero in Hospice non è la cura della malattia, ma il controllo dei sintomi che essa provoca, la riduzione della sofferenza in tutte le sue forme, il supporto al malato e alla sua famiglia allo scopo di garantire la miglior qualità di vita possibile.
Le cure erogate sono continue, di alta professionalità e umanità e si fondano, oltre che su trattamenti farmacologici, sull’accudimento, l’ascolto, il sostegno, il rispetto della persona.
L’Hospice si propone come alternativa all’abitazione della persona quando l’impegno assistenziale diventa troppo difficile e gravoso per la famiglia; quando la sintomatologia correlata alla malattia risulta di difficile gestione a casa e quando il malato vive in condizione abitative inadeguate e con scarsi aiuti familiari.
In questi casi il malato può essere indirizzato all’Hospice, anche solo per un ricovero temporaneo e/o di sollievo per i familiari.
L’Hospice di Arona dispone di 8 ampie camere singole con bagno, concepite con pareti ed arredi dai colori caldi ed armoniosi, climatizzate e dotate di letto a regolazione elettrica destinato al malato, poltrona letto per il pernottamento del familiare/accompagnatore che lo assiste, guardaroba, angolo cottura, piccoli elettrodomestici e tv color; è peraltro possibile per l’ospite personalizzare la camera con corredi ed oggetti personali.
L’assistenza è garantita sulle 24 ore per 365 giorni all’anno da Medico palliativista, Infermieri, Operatori Socio Sanitari e consulenti specialisti (es. psicologo, fisiatra, ecc.).
Sono presenti in Hospice, accanto agli ospiti e ai familiari, i Volontari dell’Associazione “La Scintilla onlus” e dell’AVO di Arona.
La realizzazione dell’Hospice dell’ASL NO è stata possibile grazie alla riorganizzazione e riallocazione dei Servizi presenti presso il Presidio Territoriale di Arona – progettata dalla Direzione Sanitaria con il Servizio Tecnico ed il Distretto Area Nord, di concerto con gli Operatori Sanitari locali -, che ha reso disponibili gli spazi per l’Hospice con locali accessori [640 mq] al secondo piano dell’edificio, che già ospitava il Servizio di Cure Palliative [300 mq] e il Nucleo di “Cure Residenziali Ospedale-Territorio”[300 mq]. Sul medesimo piano sono stati così concentrati i posti letto extraospedalieri finalizzati a soddisfare il fabbisogno di assistenza e degenze Territoriali.
Gli interventi di umanizzazione dei locali esistenti – necessari a conformarli alle specifiche esigenze di un Hospice – hanno comportato una spesa di circa 150.000 €; i lavori edili e impiantistici sono iniziati a fine settembre 2017, mentre gli spostamenti propedeutici ad ottenere la disponibilità dei locali sono stati avviati nella primavera e si sono conclusi a settembre 2017; il costo degli arredi e degli elettrodomestici, di oltre 90000 €, è stato interamente sostenuto dall’Associazione La Scintilla onlus.
L’Hospice si propone come obiettivo principale la promozione della migliore qualità di vita degli ospiti, con la presa in carico terapeutico-assistenziale che valorizzi l’individuo nella sua unicità. Attraverso l’adozione di un approccio palliativo che risponda ai bisogni della persona e di chi gli sta accanto – afferma Sandra Grazioli, Dirigente Responsabile f.f. Cure Palliative dell’ASL NO – viene garantito un intervento integrato capace di realizzare una vera ed efficace relazione di aiuto con il paziente. I familiari sono costantemente coinvolti nella pianificazione e nella realizzazione degli obiettivi da raggiungere, nelle scelte terapeutiche e nel sostegno psicologico.
L’Associazione che presiedo e la mia attività di palliativista, svolta per molti anni in questa ASL – dichiara Venerando Cardillo, Presidente dell’Associazione La Scintilla onlus -, vede finalmente concretizzarsi quanto ci eravamo prefissati per rispettare l’accompagnamento alla morte, mantenendo la dignità delle persone ad affrontare questa fase della vita.
Con questo ulteriore intervento il Presidio Sanitario Territoriale di Arona vede completato il percorso di riconversione della Struttura e sarà sempre più in grado di assicurare un’adeguata risposta ai bisogni sanitari emergenti della popolazione – afferma Adriano Giacoletto, Direttore Generale ASL NO -. Un ringraziamento speciale va al mondo del Volontariato che ha creduto in questo progetto e lo ha sostenuto: all’AVO, già presente per accogliere gli utenti nel Presidio Territoriale e pronta ad affiancare gli ospiti dell’Hospice, e all’Associazione La Scintilla, che supporta da anni le Cure Palliative dell’ASL NO e quest’anno in particolare ha voluto, attraverso un importante contributo, donare tutto quanto necessario ad arredare le camere di degenza della Struttura, ponendo l’attenzione sul benessere psicologico dell’ospite e consentendo di riprodurre il comfort ed il calore propri dell’ambiente familiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *